lug22

RIFORME: FIDANZA (FDI-AN), NAPOLITANO GUARDI A SUE ANOMALIE

(ANSA) – ROMA, 22 LUG – “Il presidente Napolitano è nel giusto quando afferma che il bicameralismo paritario è una anomalia italiana ma, sommessamente, mi permetto di suggerirgli di guardare anche alle anomalie del Quirinale, e non solo a quelle del Parlamento, che sono altrettanto vistose”. Lo afferma Carlo Fidanza, membro dell’Esecutivo Nazionale di Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale. “Una delle più evidenti – aggiunge Fidanza – è che siamo ormai da tempo in un presidenzialismo di fatto, in cui si fanno e si disfano governi senza alcun mandato popolare, si nominano senatori a vita per poi farli premier o semplicemente per puntellare maggioranze traballanti, si prendono posizioni che non sono proprie dell’arbitro ma fanno il gioco di una delle parti in causa, ieri con la demonizzazione delle posizioni eurocritiche, oggi con la benedizione di presunte riforme che spogliano i cittadini del potere di scegliere i propri rappresentanti. Eppure – conclude Fidanza – l’elezione diretta del Capo dello Stato o del Governo rimane un tabù inviolabile, per colpa di una sinistra complessata e di pezzi di sedicente centrodestra che hanno rinunciato al proprio ruolo storico e politico”.

20140722-190803-68883012.jpg

Nessun commento »

lug15

Fidanza (Fdi-An): nomina Juncker è passo indietro per Europa

junker
Parole al vento gli impegni su crescita e immigrazione           Roma, 15 lug. (TMNews) – “La conferma della nomina di Jean Claude Juncker a presidente della Commissione Europea è un passo indietro per l’Europa e per questo Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale somma idealmente i propri voti a tutti quei movimenti eurocritici che non accettano la deriva tecnocratica delle istituzioni Ue”. Lo ha affermato Carlo Fidanza, membro dell’esecutivo nazionale di Fdi-An. “Si affida il futuro di un’Europa in crisi – ha commentato – a un eurocrate per molti anni premier di un paradiso fiscale, eletto non in base a un mandato popolare ma grazie al più spudorato consociativismo europeo, che dispensa col bilancino poltrone e poltronissime. Gli impegni su crescita e immigrazione sono parole al vento, perché sui grandi temi dell’euro, del Fiscal compact, della Bce prestatrice di ultima istanza così come sui rifugiati politici non c’è nulla di concreto se non la continuità con le scelte folli del passato”. “Dispiace – ha concluso Fidanza – che qualcuno, anche nel centrodestra, si ostini a non vedere che siamo lanciati contro un muro”.

Nessun commento »

giu30

COMUNE, FIDANZA (FDI-AN): “MILANESI INSODDISFATTI GIUNTA IN AUMENTO”

pisapia(OMNIMILANO) Milano, 30 GIU – “A Pisapia rispondo con un trapattoniano “Non dire gatto finché non l’hai nel sacco”. Se da un lato giocano a suo favore i dati elettorali del centrosinistra in città nelle ultime elezioni, non deve sottovalutare che un conto è votare per le europee o per le politiche, tutt’altro è scegliere il sindaco. E la percentuale di milanesi insoddisfatti della sua amministrazione è enorme ed è in continuo aumento, tanto che è ormai difficilissimo trovare qualcuno che rivendichi di averlo votato nel lontano 2011. Se il centrodestra saprà essere unito, se saprà individuare una figura credibile attraverso le primarie, magari anche mettendo in campo nuove generazioni che hanno le carte in regola per rappresentare un’idea diversa di città, se sapremo mostrare una decisa presa di distanza rispetto al malaffare e alla corruzione, allora riusciremo a riportare alle urne tanti milanesi che non votano più, la spocchia di Pisapia sarà sconfitta e Milano tornerà a conoscere una nuova stagione di buon governo. Da settembre deve partire una grande mobilitazione sul territorio, al fianco delle famiglie, delle categorie produttive vessate da tasse e burocrazia, dei residenti dei quartieri abbandonati all’incuria e al degrado”. Lo dichiara Carlo Fidanza, membro dell’Esecutivo Nazionale di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale.
Nessun commento »

giu13

BILANCIO DI FINE MANDATO, RIPARTIRE DA QUI

Commenti disabilitati

giu5

UBER, FIDANZA (FDI-AN): ALTRO FESTIVAL SPONSORIZZATO CON PATROCINIO COMUNE

(OMNIMILANO) Milano, 05 GIU – “Ci risiamo! Altro festival e altra
partecipazione e sponsorizzazione di Uber, con tanto di patrocinio del Comune di Milano”. Lo dichiara Carlo Fidanza, membro dell’ufficio di presidenza nazionale di FdI-An. “Succede nel weekend al MiAmi Festival, in programma al Circolo Arci Magnolia dal 6 all’8 giugno. Addirittura la multinazionale stavolta offre a chi si registrerà un buono sconto da 15 euro e un free drink da 5 euro. Per gli sbadati che dimenticheranno di registrarsi nessun problema: free drink anche per loro, basterà presentarsi all’immancabile desk di Uber. Non badano a spese, forti del sostegno finanziario di grandi gruppi come Google; ma soprattutto non badano alle regole, tanto non c’è nessuno che le faccia rispettare. La faccia tosta e’ tale che l’imperdibile promozione viene pubblicizzata anche sulla pagina facebook di UberPop, il servizio di taxi abusivi tanto sonoramente decretato “fuorilegge” da Ministri, Assessori e Governatori. Ormai il livello di connivenza tra la sinistra (il Magnolia e’ guarda caso un circolo Arci), la Giunta arancione e Uber e’ diventato imbarazzante. Da un lato il Comune mostra la faccia feroce ai tavoli istituzionali, dall’altro non c’è più evento che non venga “casualmente” sponsorizzato da Uber e patrocinato dal Comune. Senza che Uber abbia cessato UberPop ne’ fatto rispettare le regole degli NCC per Uber Black. Non vorremmo tra due anni scoprire i profeti dell’innovazione e dell’illegalità altrettanto magnanimi nello sponsorizzare, sempre casualmente, la campagna elettorale di Pisapia e Maran. Ma consoliamoci: il Comune ancora una volta non ritirerà il patrocinio, in compenso nel weekend la mitica task force anti-abusivi potrà stazionare fissa all’Idroscalo e confiscare un po’ di auto, licenze e patenti”.

20140605-151917-55157002.jpg

Nessun commento »

mag26

RIPARTIAMO #SENZAPAURA

Cari amici,

al di la’ di ogni riflessione sul dato politico generale (la faro’ a mente fredda tra qualche ora), voglio ringraziarvi per avermi sostenuto.
Purtroppo, pur avendo quasi raddoppiato la percentuale dello scorso anno, ci sono mancati 100mila voti per raggiungere la soglia del 4%.
Ringrazio i 12739 (o forse più) elettori che hanno scritto il mio nome sulla scheda.
Ho la coscienza a posto: mi sono impegnato al massimo in questi cinque anni, ho fatto tutto quello che potevo in questa campagna senza risparmiarmi un attimo.
Ora ricomincio una nuova battaglia, da militante e da innamorato dell’Italia quale non ho mai smesso di essere.
Abbiamo iniziato una lunga marcia, stiamo crescendo costantemente, volevamo goderci un successo che avremmo meritato ma non ci fermiamo. E anzi, ripartiamo più determinati di prima. Al vostro fianco, #senzapaura!

Nessun commento »